Archivio mensile:luglio 2008

Il RICORDO

Standard

Di un Giudice.Il ricordo di Borsellino.

Annunci

Il nostro ministro dell’economia

Standard

Giulio tremonti è laureato in giurisprudenza,in vita sua avrà fatto un solo esame di economia

Fonte : Ricciotti Antinolfi….

professore emerito di politica economica all’universtà federico II

professore di Ciaci che si associa al cordoglio per la sua scomparsa

L’AVVENTO DEL FASCISMO #1

Standard

Avvenne principalemte attraverso la propaganda e il consenso.

Ciò che rese la propaganda un potente mezzo di persuasione furono principalemte i moderni mezzi di comunicazione di massa.La radio.La si ascoltava in compagnia nelle case,nelle piazze.I poveri sfortunati che non l’avevano a disposizione si fermavano sotto i balconi di una cordiale famiglia munita del formidabile mezzo,e ascoltavano i programmi.Ascoltavano la voce del duce.

Ogni giorno un provvedimeto nuovo,ogni giorno un passo verso il buio del ventennio fascista.

Nel 1926 con la scusa di una “legge per la difesa dello stato”si introdussero pesanti restrizioni alla libertà personale e alla vita politica,tra i provvedimenti c’era la soppressione della libertà di associazione e di stampa(non solo,ci fu l’istituzione di un tribunale speciale composto da ufficiali delle milizie,confino di polizia per gli oppositori politici,fino alla pena di morte per chi attentava alla sicurezza dello stato)

Ora abbiamo un signore,proprietario forse del più diffuso e più importante mezzo di comunicazione di massa,che ha conquistato il consenso ed è diventato capo di governo,che ha dato subito alla stampa un ammonimento con la minaccia di qualche anno di galera per chi pubblica le intercettazioni.Che attraverso l’arma dei decreti legge o dl(atti aventi forza di legge in casi di particolare urgenza,qua vebbè l’urgenza dove stava non lo so)si fa carico di 2 poteri:l’esecutivo e il legislativo(che appartiene al parlamento).”Assunzione” di 2 poteri su 3,siamo già in dittatura per questo.

Si aggiunga l’immunità per le più alte cariche dello stato e pure il fondamentale principio per cui siamo tutti uguali di fronte alla legge è stato calpestato.

Sembra che il nostro sanguinoso passato sia stato dimenticato.

Sembra che il fascismo sia tornato.E come allora,sembra che il popolo non si renda conto in quale morsa si stia stringendo.

Corsi e ricorsi storici.Traggo dalla moda una spiritosa metafora:SEMBRA CHE LE ZEPPE CHE SI PORTAVANO ANNI FA STIANO TORNANDO DI MODA.

IL MALESSERE DEMOCRATICO

Standard

Affermare che le democrazie attraversano una fase di malessere è al tempo stesso evidente e paradossale,tenuto conto dell’espansione universale del sistema politico occidentale.

La democrazie liberale in mancanza di seri concorrenti,perde i suoi anticorpi più preziosi.Nonostante le loro difficoltà ,i loro difetti e i numerosi problemi,le democrazie europee sono sopravvisute e sono servite da modello,in parte grazie proprio alle virtù del confronto.

Mai come negli anni Cinquanta e Sessanta l’aforisma di Winston Churchill è suonato così vero e verificabile : la democrazia era il peggiore di tutti i regimi a eccezione di tutti gli altri!Da un certo punto di vista i regimi comunisti erano una minaccia,ma anche una benedizione,poichè,costituendo il modello da escludere per eccellenza,permettevano di relativizzare le deficenze della democrazia e di assicurare la permanenza delle coalizioni governative basate sul rifiuto condiviso del comunismo,in particolare in Italia.

Non mi meraviglio del malessere della democrazia,soprattutto se si pensa che le democrazie in atto non sono mai quelle a cui si pensa,esse esistono solo in astratto.

La politica delle ultime settimane ce ne ha dato un chiaro esempio.

Vi faccio una confessione…..L’altra sera guardavo la tv,ad un certo punto l’edizione straordinaria del tg1 interrompe la messa in onda del film in prima serata.Palpitavo.Nello stesso momento B.Lota stava andando a Napoli per l’ennesima riunione nel capoluogo campano.Ho subito pensato”il mio desiderio è stato esaudito,ci hanno liberato di lui!”.

Invece no.La notizia tuttavia è stata altrettanto lieta.Liberata la Betancourt.

VABBè,ALLA PROSSIMA.io attendo paziente.